Capodanno 2019, il tuffo di Mister Ok da Ponte Cavour

1 gennaio 2019, si rinnova la tradizione del tuffo di inizio anno nel Tevere; Maurizio Palmulli, erede del primo ‘Mister ok’ Rick De Sonay, l’italo-belga che nel 1946 inaugurò l’impresa, ha celebrato il rito per la sua 31esima volta. Assieme a lui si sono esibiti anche Simone Carabella e Marco Fois.

Sulle banchine, le spallette del lungotevere e le numerose barche, erano presenti centinaia di persone, accorse a partecipare a questa grande festa popolare di buon augurio per l’anno appena iniziato.

C’era tanta Roma, quella vera, popolana, che supera la grandezza dei secoli e sopravvive alla povertà dell’oggi.

“Ci sarebbero tante dediche da fare – ha detto Maurizio Palmulli prima del tuffo: la tragedia dei migranti, il suicidio di quella signora a Roma con le due bambine, ma – ha aggiunto – permettetemi dopo 31 anni di fare una dedica personale: a mio figlio disabile che è stato appena operato, il mio cuore è lì con lui”.

Lascia un commento