Ai-Da, il robot artista

Ai-Da il robot artista

Non basta più mettere un pennello in bocca ad un cane, nelle mani di uno scimpanzé o tra le pieghe della proboscide di un elefante. Nell’era dell’intelligenza artificiale, solo immaginata da Kubrick e poi rappresentata da Spielberg, ora tocca ai robot spingere più in là il concetto di forma d’arte.

In Inghilterra, un visionario gallerista britannico, Aidan Meller, ha inventato Ai-Da, la prima artista umanoide. Grazie alla tecnologia sviluppata nell’Università di Oxford, Ai-Da è in grado di percepire attraverso i suoi occhi il soggetto che ha di fronte e di riportare su un foglio bianco, tramite complessi algoritmi, una sua rappresentazione. Sì, perché Meller e i suoi scienziati non hanno realizzato un plotter dalle sembianze umane, si sono spinti più in là: hanno voluto creare un’artista.

Gli otto disegni, i 20 dipinti e le quattro sculture realizzate finora da Ai-Da, sono per Aidan Meller opere d’arte. Un’affermazione difficilmente contestabile visto che la definizione di arte è estremamente variabile, nel tempo e nello spazio, e non ne esiste una definizione universale.

Desmond Morris, uno dei più noti zoologi del mondo, nel 1956 porse un foglio e una matita a Congo, un giovane scimpanzé di due anni di età. L’animale si appassionò al disegno e alla pittura e diventò autore di dipinti che ebbero da subito un grande successo. Picasso acquistò un suo quadro e per i dipinti della scimmia vennero espresse parole di elogio da artisti di fama internazionale come Mirò e Dalì.

Nel suo bestseller da dieci milioni di copie – “La scimmia nuda” – tradotto in oltre venti lingue, Morris spiega che l’arte consiste nel prendere cose banali e volgari per renderle oggetti degni di ammirazione.

Insomma, anche una semplice sedia vicino ad una pianta, con il giusto tocco umano, può diventare un ambito capolavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *